fbpx

logo fm 1

Canti e parole in TIN

È in pieno svolgimento il progetto di ricerca “Gli effetti dell’intervento vocale materno sullo sviluppo cerebrale del neonato prematuro”, tra i vincitori del Bando FM 2017. Avviato all’inizio del 2018, vede coinvolte le Terapie Intensive Neonatali (TIN) di quattro ospedali a Modena, Milano, Bologna e Firenze. Spiega la responsabile scientifica del progetto, la d.ssa Elisa Della Casa Muttini dell’Azienda Ospedaliero Universitaria di Modena: «Chiediamo alle mamme di cantare e di parlare ai loro neonati prematuri che devono stare in incubatrice, nelle loro prime settimane di vita. Crediamo che il contatto di voce e gesti, oltre a stabilizzare, calmare e consolare il bambino, lo possa aiutare a soffrire meno della separazione dai suoi genitori. Crediamo che proprio nel contatto, il neonato sviluppi le prime competenze emotive e sociali che la nascita prematura potrebbe compromettere. Crediamo, infine, che se le parole e i canti arrivano al neonato prematuro al momento giusto, possano aiutarlo a superare alcune delle difficoltà di linguaggio che spesso si presentano nel corso dello sviluppo. Crediamo tutto questo, perché basato su chiare evidenze scientifiche. Quello che non sappiamo ancora è quando e quanto i genitori debbano parlare e cantare per i propri neonati in Terapia Intensiva e neppure quali siano realmente gli effetti a lungo termine di questo tipo di interventi precoci. Sappiamo molto oggi dei benefici del contatto pelle-pelle, ma degli effetti di una voce diretta, questo strumento che il neonato è pronto a percepire e memorizzare così precocemente, sappiamo ancora troppo poco.

Siamo alle prime fasi del progetto: i centri coinvolti sono quattro, con livelli di care molto simili, ma che nel tempo hanno adottato anche strumenti di cura del neonato differenti. Il primo passo, dunque, è stato di trovare strumenti di misurazione comune e, laddove necessario, di uniformare le pratiche di follow-up. Ci siamo dotati di materiali comuni per la digitalizzazione dei dati fisiologici dei neonati e per la raccolta dei dati audio e video. Abbiamo inoltre messo a punto un programma preciso di controllo del rumore ambientale: sappiamo che la voce, per essere udibile, deve rispettare certe soglie e che il rumore della TIN, se non controllato, può mascherare i suoni preziosi delle voci dei genitori e infermieri.

Sono state consolidate collaborazioni con esperti di trattamento dei dati fisiologici, di statistica e di linguaggio. Abbiamo realizzato, infine, una piattaforma di ricerca online, per pianificare correttamente e secondo le normative vigenti l’acquisizione dei dati dei prossimi mesi.

Siamo pronti per partire con gli interventi a sostegno di genitori più consapevoli dell’importanza del loro ruolo, in momenti delicati e sensibili dello sviluppo dei loro neonati. Una ricerca, questa, che vuole uscire dai limiti degli studi accademici, per cercare risvolti clinici importanti, e che sia in grado, alla fine, di portare risultati concreti e di formulare raccomandazioni per la cura dei neonati prematuri e delle loro famiglie».

Vai al progetto

Copyright © 2019 Fondazione Pierfranco e Luisa Mariani
Certificazione ISO - Politica per la qualità - Termini e condizioni d'uso del sito - Informativa e cookie policy
Viale Bianca Maria, 28 - 20129 Milano
Telefono +39 02 795458 - Fax +39 02 76009582
Email: info@fondazione-mariani.org
Registro persone giuridiche Prefettura di Milano n. 72
codice fiscale 97035810155

UA-68368477-1